Montare lampadari e plafoniere: ecco come fare.

Il montaggio di lampadari a soffitto e plafoniere è un’attività che si può tranquillamente fare da soli, a patto di seguire alcune regole fondamentali e farsi aiutare da qualcuno.

Nel caso di lampadari a soffitto in genere è presente un gancio che semplifica le cose, mentre nel caso delle plafoniere è necessario eseguire i fori per avvitare la lampada al soffitto.

Io, cogliendo l’occasione della tinteggiatura delle pareti esterne, ho colto l’occasione per sostituire alcune lampade da esterno: inizialmente avevo comprato delle (economiche) plafoniere dal design moderno, ma non mi ero reso conto di quanto stonassero con l’architettura della casa, quindi sono passato a dei modelli più tradizionali, realizzati in metallo e vetro e comunque economici (meno di 30 euro a lampada).

Ecco l’occorrente per il montaggio:

  • una lampada adatta per l’uso in esterno
  • tasselli (fisher) e viti, se non compresi nella confezione della nuova lampada
  • una lampadina con l’attacco della giusta misura
  • un righello o metro
  • un pennarello
  • una forbice o una pinza per spellare i cavi
  • nastro isolante
  • un trapano elettrico con punte adatte per forare il muro
  • una scala solida e stabile
  • una persona che vi aiuti

Ecco come procedere per il montaggio: ricordate che lavorare con l’elettricità e in altezza è pericoloso e potenzialmente letale, adottate ogni precauzione per garantire la vostra sicurezza!

  1. misurate la distanza tra i fori che dovrete eseguire per fissare la lampada
  2. posizionate la scala in posizione comoda per il lavoro e chiedete alla persona che vi aiuta di tenere ferma la scala mentre lavorate e di passarvi gli attrezzi: lavorare così sarà molto più agevole, veloce e sicuro;
  3. verificate che i cavi elettrici siano ben isolati prima di procedere: se non lo sono staccate la corrente e applicate del nastro isolante sulla parte terminale dei cavi, inoltre posizionateli in modo da non darvi fastidio mentre usate il trapano. Questo perché se utilizzate un trapano elettrico dovrete lavorare in prossimità dei cavi senza poter staccare la corrente. Se avete la possibilità di utilizzare un trapano ricaricabile potrete invece fare tutto il lavoro con la corrente staccata;
  4. con il pennarello segnate sul soffitto i punti dove praticare i fori: ovviamente assicuratevi di mantenere una minima distanza dal punto di fuoriuscita dei cavi elettrici, forare dove passano i cavi sarebbe un bel guaio! Allo stesso tempo accertatevi che i cavi siano abbastanza lunghi da arrivare dove fisserete il lampadario, e che il foro di uscita rimanga poi ben coperto dalla lampada;
  5. montate sul trapano una punta della stessa misura del tassello: può sembrare banale ma non per tutti lo è, sui tasselli di buona qualità è in genere stampato un numero che corrisponde alla misura della punta; se la lampada non pesa molto non esagerate con la misura dei tasselli, è inutile praticare fori troppo grandi;
  6. tenendo il trapano saldamente in mano mettetelo in funzione esercitando una leggera pressione: se siete principianti potreste avere la tentazione di premere subito a fondo il “grilletto”, invece agite con decisione ma senza esagerare in potenza altrimenti perderete la “mira”;
  7. una volta eseguiti i fori inserite i tasselli, aiutandovi con un martello, e quindi staccate la corrente dall’interruttore generale (non basta assolutamente spegnere le luci della zona);
  8. utilizzando la pinza apposita o la forbice spellate la punta dei cavi facendo attenzione a non tranciare il rame all’interno:
  9. fate passare i tre cavi (due in qualche abitazione di vecchia costruzione) attraverso l’apposito foro presente sulla base della lampada e quindi fissatela al soffitto avvitandola saldamente ai tasselli;
  10. Messa a terraora si tratta di fissare i cavi agli appositi morsetti: il cavo bicolore è quello della messa a terra e va fissato in corrispondenza dell’apposito simbolo (vedi immagine a lato). A volte non si tratta di un vero morsetto ma semplicemente di una vite alla base della lampadina. Gli altri due cavi vanno invece inseriti nei morsetti ed avvitati;
  11. a questo punto avvitate la lampadina e agganciate il vetro della plafoniera: ogni lampada ha il suo meccanismo di montaggio, ma fate attenzione perché non sempre l’operazione è intuitiva come sembra e in un attimo può cascarvi il vetro, con possibilità anche di farvi male;
  12. una volta completato il montaggio potete riattaccare la corrente dall’interruttore generale e verificare se tutto funziona.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.